Small Plates and Sweet Treats: a book review

vi ho già accennato, nel mio ultimo post, al fatto che finalmente mi è arrivato il primo libro di Aran Goyoaga, aka Cannelle et Vanille: ” Small Plates and Sweet Treats: my family’s journey to gluten-free cooking “; tuttavia, vorrei qui parlarvene più per esteso.

Probabilmente, molti conosceranno già il blog, Cannelle et Vanille, che Aran ha iniziato per caso quasi cinque anni fa e che ora è uno dei più noti – e belli – della rete; tuttavia, il suo libro è uscito solo da un paio di settimane, e naturalmente, solo in inglese. Tuttavia, se posso darvi un consiglio, non lasciatevi scoraggiare dall’ eventuale ostacolo della lingua: vale davvero la pena!

Avevo preordinato questo libro non molto tempo fa e, dopo quasi un mese di ansiosa attesa ( durante il quale avevo iniziato a temere che, dopotutto, ci fosse stato qualche incidente e il pacchetto fosse stato rispedito alla sede Statunitense di Amazon ), finalmente mi è arrivato; e, ve lo devo dire, sfogliare quelle pagine ricche di belle fotografie e deliziose ricette, è una vera tentazione: leggevo il libro la sera, a letto ( sì, sì, io leggo i libri di cucina da cima a fondo, come fossero romanzi ), e mi addormentavo sognando di sorbetti alla clementina e mela verde da servire per la cena di natale, brioches di banane e cioccolatotortine ai pistacchi… tutti questi sapori e odori mi accompagnavano fin nella cucina, dove non potevo fare a meno quasi senza volerlo, di tirar fuori gli ingredienti e mettermi a fare prove, piccole variazioni… oppure, semplicemente, riprodurre le ricette così come erano.

Il libro, oltre a riportare le storie di famiglia, presenti e passate, di Aran, che tutti i lettori del blog hanno già imparato ad amare, riporta numerosi ( e secondo me utilissimi ) consigli, di solito alla fine delle ricette: come fare in casa la farina di castagne ma anche la créme fraiche, come imparare a “domare” i macarons… e anche, naturalmente, qualche trucco e consiglio per quel che riguarda il lavorare impasti gluten-free. Già, perché anche se non si direbbe mai, le ricette di Aran sono tutte gluten-free, come lascia intendere il sottotitolo; una bella risorsa, per chi come lei deve seguire questo tipo di dieta!

Provare nuove farine e nuovi ingredienti è interessante e stimolante; tuttavia, anche sostituire gli ingredienti per tornare di nuovo alla versione gluten non è difficile, come è spiegato nel libro: ed io posso garantirvelo, avendo preparato già qualche ricettina da questo libro che ho riadattato per la mia famiglia!

Ora, vi lascio con la torta sfornata questa mattina, a quest’ora già a metà… nonostante il libro sia colmo di ricette sofisticate, familiari o semplicemente bellissime, ho scelto questa perchè, onestamente, mi ricordava l’ infanzia: anche mia madre, come quella di Aran, era solita preparare una torta allo yogurt e olio d’oliva pesando gli ingredienti alla vecchia maniera ( una tazza di questo, un q.b. di quello… ), ed ero curiosa di scoprire quali variazioni avesse apportato Aran in questa versione… tornare a preparare questa torta dopo quasi dieci anni dalla prima volta che avevo preparato qualcosa di simile, è stato incredibile.

Ah, inutile dirlo: la versione di Aran è la più buona che qui a casa mia si sia mai assaggiata, senza nulla togliere alla torta delle mamme, naturalmente… soffice e profumata che più non si potrebbe.

Torta Rovesciata alle mele, yogurt e olio d’ oliva

Adattata da ” Small Plates and Sweet Treats” di Aran Goyoaga

  • 2 mele gialle e sode, o 3 Pink Lady Apples, sbucciate tagliate in 16 fettine regolari
  • 30g. di burro
  • 230g. di zucchero di canna ( o 130g. zucchero di canna e 100g. muscovado )
  • 1 baccello di vaniglia, aperto per il lungo e i semi grattati
  • 140g. farina
  • 35g. farina di mandorle
  • 40g. fecola di patate
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 1 cucchiaio di lievito
  • 1\2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1\2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1\4 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1\4 cucchiaino sale
  • 3 uova
  • 125 ml yogurt bianco intero
  • 125 ml di olio d’ oliva ( non extravergine! )

preriscaldare il forno a 180°C.

Imburrare uno stampo da 24 cm di diametro, alto 6, e porre sul fondo un disco di carta forno. Mettere da parte.

Nel frattempo, fondere il burro in una padella larga su fuoco medio; unirvi 30g. dello zucchero di canna e il baccello di vaniglia ( tenere da parte i semini ); quando il burro sarà fuso, unirvi le mele e cuocere per 5-7 minuti, fin quando saranno morbide ma non disfatte; non lasciar caramellare questo sciroppo.

Lasciar raffreddare le mele nel loro sciroppo.

Nel frattempo, mescolare la farina, l’ amido, la fecola, la farina di mais, il lievito, il bicarbonato di sodio, il sale e le spezie; a parte, sbattere le uova, lo zucchero rimasto ( e il muscovado, se lo usate ), lo yogurt, l’ olio d’oliva e i semi di vaniglia messi da parte; unire gli ingredienti secchi ai liquidi e sbattere fino ad ottenere un impasto che ” scriva”. unirvi lo sciroppo di cottura delle mele.

sistemare le mele raffreddate sul fondo dello stampo, creando un disegno circolare; quindi, versare nello stampo l’ impasto. Infornare per circa 40 minuti, o fin quando, inserendo uno stecchino nel dolce, esso uscirà pulito e asciutto.

Lasciar riposare nello stampo 15 minuti, prima di sformare. Servire a temperatura ambiente, con un cucchiaio di panna densa o una pallina di gelato alla vaniglia…

Apple, yogurt & olive oil upside-down cake

  • 2 yellow apples, firm and crisp ( or 3 Pink Lady Apples ), peeled, cored and sliced into 16 slices
  • 30g. ( 2 tbs ) unsalted butter
  • 230g. ( 1 cup ) natural cane sugar ( or 130g. natural cane sugar and 100g., 1\2 cup, muscovado sugar )
  • 1 vanilla bean, split and seeded
  • 140g. ( 5 oz ) flour
  • 35g. ( 1.25 oz ) almond meal
  • 40g. ( 1.40 oz ) potato starch
  • 2 tbs cornstarch
  • 1 tbs baking powder
  • 1\2 tsp baking soda
  • 1\2 tsp ground cinnamon
  • 1\4 tsp ground ginger
  • 1\4 tsp salt
  • 3 eggs
  • 125 ml ( 1\2 cup ) whole-milk plain yogurt
  • 125 ml ( 1\2 cup ) olive oil

preheat the oven to 180°C ( 350F ). lightly grease an 8 by-2,5 inch round cake pan and line the bottom with a circle of parchment paper.

in a large sauté pan, heat the butter, 2 tbs of the natural cane sugar, and vanilla pod ( save the seeds for the batter ) over medium heat, until the butter is melted. Then, add the apple slices and cook for about 5-7 minutes or until the fruits are tender but not mushy. let them cool in the pan.

Meanwhile, whisk the eggs with the remained sugar ( and muscovado sugar, if you use it ), yogurt, olive oil and vanilla seeds. in a separate bowl, mix the flour, almond meal, baking powder, baking soda, potato starch, cornstarch, salt and spices. add the dry ingredients to the liquid ones until a thick batter forms; add the preserved apples’ poaching liquid .

Arrange the apples tightly on the bottom of the cake pan in a circular pattern. then, pour the batter into the cake pan.

Bake for 40 minutes or until a toothpick inserted in the center of the cake come sout clean. let the cake cool in the pan for 15 minutes. Then, carefully invert it onto a cooling rack and let it cool completely.

Serve at room temperature, with a scoop of heavy cream or a dollop of vanilla bean ice cream…

2 thoughts on “Small Plates and Sweet Treats: a book review

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: